Francesco Tadini pubblica un testo di Anna Modena sul percorso letterario di Emilio Tadini

Il testo che segue è stato digitalizzato da Francesco Tadini (e pubblicato da Melina Scalise, presidente dell’Associazione Culturale Spazio Tadini e grande custode delle opere archiviate di Emilio Tadini) nell’ambito del lavoro di pubblicazione on line dell’intero archivio relativo al padre, Emilio Tadini. E’ un saggio molto documentato di Anna Modena che aiuta a ricostruire il percorso di Tadini scrittore nei primi, decisivi, anni della sua instancabile attività. Il testo è stato pubblicato nel 2005 da Pagine d’Arte in una monografia curata da Matteo Bianchi e intitolata Emilio Tadini, Le figure Le cose, in occasione di una grande mostra antologica di pittura dedicata a Tadini dal Museo Villa dei Cedri Civica Galleria d’Arte di Bellinzona.

 

EMILIO TADINI: A LUNGHI PASSI DENTRO LA REALTÀ, IL PERCORSO DELLO SCRITTORE

Anna Modena

Emilio Tadini fa i l suo esordio nel mondo letterario come poeta, appena ventenne, nel 1947; lo ospitano due riviste diversamente fondamentali della prima metà del Novecento: l’ormai storica “Letteratura”, fondata da Bonsanti nel ’37, che in quell’anno si avvia a chiudere, dopo una decennale militanza, la significativa prima serie; e i l nuovo “Politecnico” di Elio Vittorini, la rivista del rinnovamento culturale del dopoguerra, non solo milanese, e della ventata di alti valori. Gli ha aperto le porte di un ambiente in cui si trova immediatamente a suo agio la partecipazione al premio di poesia Renato Serra, al quale il giovane studente dell’Università Cattolica, allievo di Umbro Apollonio, invia il poemetto La passione secondo San Matteo: la vittoria gli vale la conoscenza con Montale, che gli presenta Sergio Solmi e Vittorini. ” Il Politecnico” è una meta ambita e quasi impensata: «una rivista che ammiravo moltissimo – dichiarerà Tadini nella conversazione con Arturo Carlo Quintavalle, riportata nel saggio Emilio Tadini e le scritture1 —: «La cosa che più mi aveva conquistato su ” Il Politecnico” era la grafica di Steiner, grafica costruttivista, più avanzata sul piano della scrittura. Una delle più grosse emozioni figurative che ho provato, ripensandoci, una grafica straordinaria, che mi ha rivelato una forma del moderno molto evidente».

Come ha raccontato Tadini stesso e come dimostra oggi il suo archivio, la poesia è la sua prima passione: gli interessa e la coltiva da ragazzo, negli anni di guerra, in un mondo, quello che lo circonda al Liceo Carducci, che affonda dentro antifascismo e resistenza: antifascista, e poi esponente liberale del CLN è Augusto Massariello, il professore di letteratura italiana, materia in cui Emilio Tadini è ammirato primo della classe, che rifiuta di aderire alla Repubblica di Salò; e sono impegnati nella Resistenza alcuni compagni, senza che corrano tra loro troppi discorsi, dall’amico Enzo Capitano, deportato e ucciso a Mathausen,2 a suo cugino fucilato dalle SS italiane, fino al compagno di banco di Emilio, Armando Cossutta, che finisce in carcere nei primi giorni del ’44, per aver organizzato un traffico di armi dalla caserma di Monza all’organizzazione del Fronte della Gioventù.3 Al giovane martire è dedicata la poesia il ragazzo ucciso databile alla fine degli anni Quaranta, un capitolo della serie I dolori della guerra incentrato sulla coscienza dell’orrore e sulla consapevolezza di vivere oltre di conoscere altro rispetto a chi è scomparso, tenendo ferma la memoria; del corpus, abbastanza ricco, riferibile a questo periodo fa parte anche il poemetto Storia di un soldato che viene pubblicato nel ‘50.4 Con lo stesso titolo, e gli stessi particolari visivi: il ragazzo che segue il treno con i soldati che partono, mare, neve, macerie di città, morte nel fiume, si conserva nell’Archivio ‘ladini un Soggetto per un film, in sei tempi, che denuncia l’interesse attorno a un tema che è già nell’Histoire du soldat di Charles Ferdinand Ramuz musicata da Stravinskij, e in altra prospettiva, nei Quarantanove racconti di Hemingway, in particolare in Il ritorno del soldato.

Francesco Tadini, archivio, dalla monografia curata da Matteo Bianchi e intitolata Emilio Tadini, Le figure Le cose

Con La passione secondo San Matteo e L’oratorio della pace. Storia di un soldato entrerà nell’edizione dei Tre poemetti del maggio del ’60, stampati in una raffinata edizione di 299 esemplari dall’editore Luigi Maestri, allievo di Giulio Preda, titolare di quelle Arti Grafiche Maestri di via Solferino, note ai bibliofili anche per le prime edizioni del Polifilo su carta Ventura: Le Ville del Brenta con prefazione di Piovene; il Viaggio pittorico nei monti della Brianza, con prefazione di Orio Vergani. Anche il giovane Tadini partecipa alle riunioni del Fronte della Gioventù in via del Conservatorio dove incontra i pittori Crippa e Dova e Rossana Rossanda: si sente esponente di una sinistra cristiana, che il Fronte ambiva accogliere e con cui Vittorini terrà particolarmente a dialogare sulle pagine della sua rivista. Il vissuto degli anni di guerra sembra occupare gran parte della sua iniziale attività di scrittore e fa da sfondo al primo romanzo, inedito, scritto probabilmente verso la metà anni Cinquanta o poco dopo.

E’ un romanzo- – questo di Tadini – di impronta fortemente autobiografica, un romanzo di formazione e di crescita, ambientato durante la seconda guerra mondiale a Milano, dove un giovane prende coscienza del sentire della collettività, della folla e del valore della città, che si rivela in tutta la sua silenziosa forza. Francesco (Francesco Tadini, tra l’altro è il nome del figlio primogenito di Emilio), il protagonista, è un liceale in conflitto con un padre severo, talora rigido, col quale parla poco: non riesce a dirgli che si è innamorato e ha una ragazza. Maria. Un riserbo naturale, che l’età sembra acuire, gli impedisce di palesare i suoi sentimenti anche ai compagni più cari; uno dei quali, Renato, sembra avvertire il silenzio come esclusione e diminuzione di amicizia. La prima parte del romanzo, articolata in due capitoli: I ragazzi (l’amore) e Teatro sperimentale (la cultura),5 dice della difficoltà di comunicazione sotto le bombe, ma anche del guardare avanti con una certa incoscienza, pensando al futuro e cercando ingenuamente contatti con altri ‘mondi’: Francesco vuol fare il regista e si avvicina a un gruppo d’avanguardia, dove è accolto con sufficienza. La seconda, che si sviluppa in un arco di tempo cruciale, dal 25 luglio all’8 settembre del ’43, tocca, nelle varie facce della dimensione cittadina di altrettanti capitoli: La città felice. La città deserta o La distruzione della città; La città occupata, una materia ribollente nella vicenda artistica di Tadini, che dentro la guerra ha maturato temi fondamentali, dalla morte della pietà’ delle pagine più nere di La lunga notte A ciclo pittorico dei Profughi. Passano in fretta i tedeschi, mentre i milanesi cercano ancora di riconoscere «nel re e nell’esercito qualcosa di vero», che possa durare; passano, mentre scoppia qualche tumulto nei gruppi rionali. Passano, mentre la gente non sa ancora quello che l’aspetta, con l’agosto, le bombe, gli sfollamenti notturni alla cascina, alla centrale, nei tunnel. Francesco rientra dalla campagna sotto il cielo divampante, col pensiero del padre, solo; aiuta a buttare le ultime cose dalle finestre di case che bruciano; percorre quartieri che non riconosce come suoi, polvere dove prima erano case, una città come abbandonata e vuota da mille anni, con uomini non più abitanti, ma «immemori e soprapensiero custodi di rovine». Nella città occupata l’odio diventa un feroce e amoroso compagno, un aiuto per resistere all’inverno di gelo e umiliazioni che si preparava.

Quando Tadini lavora a questo romanzo non è ancora pittore, ma un giovane intellettuale impegnato e un critico letterario che sa benissimo, come sosterrà poi sempre, che il lavoro di scrittura comporta progetto e rifacimento. E così procede: prepara schemi e abbozzi: dà al suo protagonista una ‘coscienza’ che si sviluppa di pari passo ai mutamenti della città: è «coscienza della folla per la prima volta: un sentire collettivo» nella città felice del 25 luglio, diventa «coscienza diretta dell’orrore» nella città deserta, distrutta dai bombardamenti, ed è infine «coscienza dell’odio, ‘feroce e amoroso compagno» nella città occupata dopo l’8 settembre.

In questo lavoro Tadini non si risparmia. Rivede, corregge, e contemporaneamente ragiona sulla possibilità del linguaggio e della parola. Riprogetta e infittisce di annotazioni e schemi: sui modi, sulle strutture «un lungo raccontare senza principio né fine» dove tutto è in atto, sui personaggi che definisce non in base ai caratteri, ma ai comportamenti. E sta dentro questa Milano sempre con ciglio asciutto, senza mai una sbavatura, tratto che diverrà tipico del suo rapporto con la città, scritta e dipinta. Sa già che per una materia ancora così vicina, occorre buona memoria, e una memoria che sappia elaborare e interpretare. Anna Modena

Francesco Tadini, archivio, da una monografia curata da Matteo Bianchi e intitolata Emilio Tadini, Le figure Le cose

La seconda parte di questo saggio verrà digitalizzata e pubblicata a giorni su questo sito o sul blog Friplot LINK: http://friplot.wordpress.com/   – Al termine della pubblicazione, Francesco Tadini – sempre tramite Melina Scalise, presidente di Spazio Tadini di Milano, http://spaziotadini.wordpress.com/ – renderà disponibili anche le note al testo)

Francesco Tadini ringrazia gli affezionati lettori del sito / Archivio Tadini anche per le numerose mail di incoraggiamento che sono pervenute.

Francesco Tadini vi invita alla lettura, oggi, anche di un passo della presentazione di Umberto Eco alla mostra di Palazzo Reale a Milano di Emilio Tadini: LINK http://friplot.wordpress.com/2011/12/25/francesco-tadini-un-passo-della-presentazione-di-umberto-eco-alla-mostra-di-palazzo-reale-a-milano-di-emilio-tadini/

Francesco Tadini

Francesco Tadini

Annunci

Informazioni su Francesco Tadini

Francesco Tadini. Aiuto Regista per alcuni anni al Teatro alla Scala di Milano, dall'Aida con Ronconi a il Pelleas et Melisande con Antoine Vitez. Regista televisivo per RAI, MEDIASET, TVSvizzera Italiana, ZDF, ARTE. Fondatore di tre società di comunicazione video e multimediale. Pubblicitario e consulente per ENI e SNAM Rete Gas. Ideatore e Produttore del primo adventure game multimediale di "Edutainment" in Italia, per ENI e LEGAMBIENTE: "Equilibrium". Ha realizzato per RAITRE per anni come autore e regista (sia dei documentari che delle dirette TV) il programma culturale di punta "Non solo Film" con Giancarlo Santalmassi conduttore. Un anno negli Stati Uniti con più di 1200 interviste realizzate per la RAI. Autore di 51 puntate del programma "La macchina del tempo" condotto da Alessandro Cecchi Paone e in onda su MTV Channel. Gallerista. Blogger. Ha fondato Spazio Tadini con la giornalista Melina Scalise
Questa voce è stata pubblicata in Anna Modena, Archivio Emilio Tadini, Arte, arte moderna e contemporanea, Arturo Carlo Quintavalle, avanguardie artistiche, Critica d'arte, critica letteraria, Emilio Tadini, Emilio Tadini Le figure Le cose, francesco tadini, gallerie d'arte Milano, Gianni Dova, La tempesta Tadini, Le armi l'amore Tadini, Letteratura, Matteo Bianchi, Melina Scalise, Milano arte, Montale, movimenti artistici, Museo Villa dei Cedri, Pagine d'Arte, Pittori, pittura, Poesia, Politecnico Elio Vittorini, Profughi, Renato Serra, Roberto Crippa, Romanzi Tadini, romanzo sperimentale, Rossana Rossanda, scrittori italiani del Novecento, Sergio Solmi, Spazio Tadini, storia dell'arte, Tadini, Tadini Francesco, Umberto Eco, Università Cattolica, Vittorini e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.