Francesco Tadini segnala: Libreria del Mondo Offeso Milano – Settimana dedicata ad Antonio Tabucchi con Andrea Bajani e Eugenio Allegri

Francesco Tadini segnala: Libreria del Mondo Offeso – Settimana dedicata ad Antonio Tabucchi con Andrea Bajani e Eugenio Allegri. giovedì 14 marzo h. 19.00.

 Andrea Bajani con il suo libro MI RICONOSCI Giangiacomo Feltrinelli editore

insieme a Ranieri Polese

Uno dei migliori scrittori italiani, Andrea Bajani, si lascia chiamare dentro il dolore di una perdita e ricostruisce la storia di un‡amicizia luminosa, complessa, a volte tormentata. L‡amicizia per Antonio Tabucchi.

 

sabato 16 marzo h. 17.30

Eugenio Allegri con la lettura del testo teatrale “Una Piazza d’Italia”

Questo è il mio piccolo contributo, saluto ad Antonio… Laura

Era il 2001, eravamo a Roma, facevamo teatro.

C’era stata Genova, c’era stato l’11 settembre, c’era aria di guerra.

Un giorno ci è ri-capitato un libro in mano “Piazza d’Italia” di Antonio Tabucchi.

Era di luglio, nel ’46,

…………………………..

Quando Garibaldo, quel giorno da chiodi, si beccò la pallottola in fronte, mentre stramazzava nella confusione della piazza volle avere l’ultima parola. Ma invece la lingua liberò un gorgoglìo squaccheroso che udirono solo i pochi che gli stavano intorno.

“Abbasso il re!”

Il sasso gli sdrucciolò di mano e rotolò fino al rigagnolo della fontanella. Sul viso gli rimase ghiacciato un sorriso furbesco, di accidenti a me, perché aveva fatto in tempo ad accorgersi, nel breve tragitto dal monumento alla polvere, che la nebbia della morte gli aveva confuso proprio l’ultima frase. La pallottola che gli aveva cercato la fronte non usciva da un moschetto della guardia regia: il re ormai aveva fatto fagotto e vigeva la costituzione della repubblica fondata sul lavoro. Le mani annaspanti che sciolsero il fiocco nero in due grandi nastri svolazzanti sciolsero anche l’assiepamento della folla, che si disperse nella luce della sera. Garibaldo restò solo, con un sorriso ironico, davanti a tutti quei caschi in fila che si guardavano reciprocamente le pistole abbassate.

E così, mano mano piazza qui passò la lepre pazza… abbiamo cominciato a giocare con la sua piazza…

21 gennaio 2002

Cari amici delle Macchine Teatrali,

“mano mano piazza, di qui passò una lepre pazza”. Così comincia la filastrocca,

e devo dirvi che la lepre pazza che è passata dalla mia piazza mi è piaciuta

molto. Direi moltissimo, in certe pagine. Per la tenuta della scrittura, per

l’abilità di reggere il filo che va avanti e indietro nel tempo della storia, e

anche per la capacità di “giocare” con il testo di un libro, appropriandosene e rilanciandolo come al poker.

Un cordiale saluto a tutti. Antonio Tabucchi

Poi l’odore della carta mi ha dato alla testa. Da allora mangio baccalà, Vittorini e Tabucchi.

L’influenza di Vittorini sul romanzo portoghese del dopoguerra. E con quella nostalgia affiorò il puzzo di baccalà fritto del self service della Biblioteca dove aveva pranzato per settimane intere. Baccalà e Vittorini.

(La testa perduta di Damasceno Monteiro)

Ed è nata la Libreria del Mondo Offeso.

Milano, 5 settembre 2008

Caro Prof. Tabucchi,

Sarei felicissima e onoratissima di averla come ospite d’onore per l’apertura, in qualità di sua lettrice appassionata e futura libraia.

Che ne dice???

Pensa sia impazzita completamente o pensa di unirsi alla mia piccola follia?

31 ottobre 2010 Eccolo arrivare…

E poi ripartire…

Milano, 25 marzo 2012

Oggi il mio telefono sembrava il telefono della vostra casa editrice. Tutte, proprio tutte le persone che mi conoscono mi hanno chiamata a condividere questa mancanza totalmente inaspettata.

Milano, 2 agosto 2012

Tuttavia, arrivata sin qui, in questo momento storico, appena compiuti i miei primi quarant’anni, ho deciso di rilanciare e tenere duro con questo mestiere “folle”…

Mestiere che sin qui non mi ha certo ripagata economicamente ma mi ha riempita di vita.

E che ci creda o no, in tutto questo, sono convinta ci sia lo zampino del nostro amatissimo Antonio Tabucchi…

EPILOGO

Quando Carlo, quel giorno caldo di luglio, si beccò la pallottola in fronte

Stramazzando nella confusione di quella piazza genovese

Non liberò nemmeno una parola polverosa

Non ne aveva

E non ne aveva mai avute.

Forse non le aveva nemmeno cercate.

A che gli servivano le parole?

E’ così che oggi va il mondo

La voglia spontanea di rompere i lacci

Era stata la sua molla

L’incoscienza

era stata la sua coscienza

Doveva scegliere:

una giornata al mare o la piazza.

Con la leggerezza del vento.

L’estintore era diventato uno scudo.

Punkabestia!

Barbone!

Drogato!

Gridavano.

Chissà?

Semplicemente incazzato

E già….

Oggi non serviva il pensiero

Girava nell’aria

Solo la voglia matta di ribellione

Perché?

Ma nell’aria questa voglia

Si tagliava con il coltello

Si assaggiava

Si gustava

Inebriava

In un liberatorio piacere.

Strani quei giorni di luglio,

In quella piazza amara di Genova!

E Carlo restò solo, con un sorriso ironico

davanti a tutti quei caschi in fila

che si guardavano reciprocamente le pistole abbassate.

……………………

Era di luglio, nel 2001.

Libreria del Mondo Offeso VIA CESARE CESARIANO N. 7 cap. 20154 MILANO tel. 02. 36 52 07 97 – 02. 36 52 18 21

MM Moscova Bus 43, 57, 94, 70 Tram 12, 14, 2, 4, 1, 19 Bike me P.zza Santissima Trinità ang. Via Canonica, Parcheggio Auto

Francesco Tadini, fondatore di Spazio Tadini Arte Contemporanea Milano, ringrazia la Libreria del Mondo Offeso per le notizie.

Annunci

Informazioni su Francesco Tadini

Francesco Tadini. Aiuto Regista per alcuni anni al Teatro alla Scala di Milano, dall'Aida con Ronconi a il Pelleas et Melisande con Antoine Vitez. Regista televisivo per RAI, MEDIASET, TVSvizzera Italiana, ZDF, ARTE. Fondatore di tre società di comunicazione video e multimediale. Pubblicitario e consulente per ENI e SNAM Rete Gas. Ideatore e Produttore del primo adventure game multimediale di "Edutainment" in Italia, per ENI e LEGAMBIENTE: "Equilibrium". Ha realizzato per RAITRE per anni come autore e regista (sia dei documentari che delle dirette TV) il programma culturale di punta "Non solo Film" con Giancarlo Santalmassi conduttore. Un anno negli Stati Uniti con più di 1200 interviste realizzate per la RAI. Autore di 51 puntate del programma "La macchina del tempo" condotto da Alessandro Cecchi Paone e in onda su MTV Channel. Gallerista. Blogger. Ha fondato Spazio Tadini con la giornalista Melina Scalise
Questa voce è stata pubblicata in Antonio Tabucchi, Arte, arte moderna e contemporanea, francesco tadini, Francesco Tadini segnala, Libreria del Mondo Offeso, librerie Milano, Milano arte, Tadini e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.